Giovani, comunicazione e partecipazione. Conosciamo alcuni partecipanti ai workshop

Sono arrivati da tutte le province dell’Emilia-Romagna. Hanno riempito la sala Guido Fanti di Viale Aldo Moro con la loro partecipazione, i loro dialoghi, le loro idee.
Sono funzionari, educatori, operatori, amministratori. Ma anche giovani semplicemente impegnati nella realizzazione di attività che coinvolgono loro coetanei, che animano luoghi e spazi di territori da sempre attenti alla partecipazione giovanile.

Al termine dei workshop che si sono svolti il 4 aprile 2014 a Bologna e che vi abbiamo raccontato nel nostro dossier,  armati di telecamera e microfoni siamo andati a raccogliere per voi le testimonianze di alcuni partecipanti.

Come coinvolgere i più giovani? Che relazione c’è tra comunicazione e partecipazione? Ne abbiamo parlato con Erika Bergamini dell’Informagiovani del Comune di Cento.
“I giovani partecipano laddove si sentono coinvolti”, afferma Erika, sottolineando successivamente l’importanza della relazione interpersonale perché una relazione costruita semplicemente utilizzando degli strumenti virtuali non può essere sufficiente.

Le nostre interviste vi portano poi a conoscere alcuni dei protagonisti di Radio Sonora, una web radio di cui vi avevamo già parlato nel nostro primo numero.
Una web radio che vanta tre redazioni, come ci racconta Yuri Briccolani delle Politiche Giovanili dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna. Un realtà capace di favorire e consolidare l’aggregazione, un’esperienza utile ai giovani per sperimentare nuovi linguaggi.

E sono proprio due dei ragazzi attivi in Radio Sonora sin dalle sue origini a raccontarci tutto il bello di questa esperienza. Si chiamano Caterina Cardinali e Lorenzo Fontana.
“Aggregazione, condivisione e crescita personale”. Con queste tre espressioni Gianni Gozzoli sintetizza l’esperienza di Radio Sonora, di cui è Coordinatore.

Infine al nostro microfono anche Fabiana Mordini della Cooperativa Sociale Millepiedi e Anna Venturini, Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Castel Guelfo, per capire insieme come è andata questa giornata intensa di dialogo, confronti, testimonianze.
“Mi fa andare via con una bella carica di entusiasmo – afferma l’Assessore Venturini. Perché ci sono delle realtà che lavorano davvero bene e che sanno realmente coinvolgere i giovani”.
(MZ)

Tag:

Leave a Reply

*